Carotaggio di una quercia, Siena, Toscana – Dott. Gabriele Parvi, Forestale Arezzo

Il “carotaggio” è una tecnica dendrometrica di campionamento grazie alla quale si preleva un tassello di legno corrispondente al raggio del tronco o di una grossa branca. E’ spesso utilizzato in Arboricoltura in quanto è un metodo poco invasivo che consiste nell’avvitare una trivella cava al suo interno, il Succhiello di Pressler, perpendicolarmente al fusto.
Raggiunto il centro dell’albero si inserisce poi l’estrattore che permette di tirare fuori la carota cilindrica del diametro di una matita circa. Successivamente all’estrazione della carota “svitiamo” la trivella che viene disinfettata assieme al foro d’ingresso nella pianta.
Sul campione estratto è possibile contare gli anelli, i diversi cerchi annuali, per stabilire l’età dell’albero senza abbatterlo ma non solo; è uno strumento utile per valutare lo stato interno del legno, e ancora la resistenza alla rottura con altri opportuni strumenti.
Campioni che si presentano “bagnati” o che si frantumano a mano rappresentano un avanzato stato di alterazione, inoltre colorazione scura e odore pungente di muffa sono indici di agenti di carie e marciumi.
www.GeoPlantae.it
© Dott. Gabriele Parvi – Studio Tecnico Agronomico, Forestale e Ambientale in prov. di Arezzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.